mercoledì 19 novembre 2014

Gatti in appartamento: perché non farli uscire?

Oggi voglio raccontarvi una novità che riguarda la nostra micia. Freak da qualche tempo è una gattina di mondo... Esce, frequenta i gatti del vicinato, fa le sue passeggiate nel quartiere e torna quando vuole. 
"E allora?", direte voi.
Beh, il fatto è che fino a pochi mesi fa Freak era una gattina d'appartamento e non usciva mai dal condominio. 

Avevamo paura che si perdesse o che le succedesse qualcosa; inoltre viviamo in un palazzo e per lei non è possibile uscire ed entrare come in una casa indipendente. 
Così, in questi anni, Freak è restata quasi sempre in casa. Ma negli ultimi tempi, era sempre più insofferente e bastava aprire la porta perché scappasse... Così ho deciso di farla uscire.
All'inizio la seguivo, si trattava di brevi giri intorno al palazzo. Poi l'ho lasciata andare in avanscoperta ed è stata davvero bravissima!
Ha un ottimo senso dell'orientamento; quando esco di casa spesso mi accompagna per un tratto; sta lontana dalle macchine e quando vuole rientrare si apposta davanti al portone aspettando che le apra.
Tutto questo mi ha fatto capire che le mie paure erano del tutto infondate.
Se anche voi avete un gatto e vivete in un appartamento, perché non provate a lasciarlo libero? Gli farete un regalo davvero grande. E, se volete stare davvero tranquilli, potete sempre ricorrere al microchip per gatti

1 commento:

kilara ha detto...

Che brava micia!Le mie a volte mi fanno pena chiuse in casa,non ho neppure il balcone,ma sono paurose e anche se le lascio la porta e il portone aperto non escono,al massimo si affacciano ad annusare lo zerbino poi rientrano.Forse è meglio così,chi lo sa!